Stabilità2016 #1: Ambiente, Agricoltura e Cultura

L’intervento finanziario

La Legge Stabilità per il 2016 si inserisce nel percorso volto a dare attuazione all’obiettivo di consolidamento fiscale finalizzato al raggiungimento del pareggio strutturale di bilancio entro il 2018: un percorso che, come ricordato dalla Nota di aggiornamento del DEF 2015, parte da un indebitamento del 2,2% del 2016 (2,4% se si considera la flessibilità connessa alla c.d. “clausola migranti”) per arrivare a un accreditamento netto dello 0.3% per il 2019.
Proprio per questo la manovra assume un carattere espansivo, recando interventi volti al sostegno della crescita e operando sia sul versante del contenimento del carico fiscale sia su quello dell’aumento della domanda aggregata.
Per quanto concerne il debito, pur in presenza del minor sforzo fiscale determinato dalla manovra, viene confermato il suo percorso discendente dal 2016, quando diminuirà dal 132,8% al 131,4%.

Affari esteri e politiche dell’Unione europea

In deroga alle vigenti disposizioni sul blocco delle assunzioni nel pubblico impiego, viene autorizzato per il triennio 2016-2018 lo svolgimento del concorso di accesso alla carriera diplomatica e l’assunzione di un contingente annuo non superiore a 35 segretari di delegazione (comma 131)
Vengono inoltre erogati finanziamenti a favore delle collettività italiane all’estero, istituti italiani di cultura, nonché delle minoranze italiane in Slovenia e Croazia. Sul versante del contenimento delle spese è prevista una rinegoziazione di accordi internazionali che fissano contributi versati dall’Italia ad alcuni organismi internazionali.
Viene previsto un corposo finanziamento (295 milioni per il 2016 a cresce per i successivi due anni) per contribuire ad alcuni fondi multilaterali di sviluppo, come il Fondo africano di sviluppo, l’IDA e il Fondo asiatico di sviluppo. Sempre in tema di cooperazione allo sviluppo è da segnalare come, anche in attuazione della normativa generale, viene erogato un sostanzioso contributo in favore della nuova Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo: si tratta di un incremento di 120 milioni per il 2016, di 240 milioni per il 2017 e di 360 milioni per il 2018.
In tema di politiche europee, oltre alle disposizioni riguardanti gli oneri finanziari derivanti da sentenze di condanna a carico dell’Italia, viene incrementato il Fondo per il recepimento della normativa europea e modificato il meccanismo di pagamento di detti oneri finanziari da parte dello Stato centrale e il conseguente diritto di rivalsa nei confronti delle Amministrazioni responsabili della mancata applicazione della normativa europea. Sempre in tema di politiche europee, è importante ricordare come vengano equiparati i liberi professionisti alle PMI per quanto concerne l’accesso ai finanziamenti dei fondi strutturali.

Agricoltura

La manovra finanziaria interviene nel settore agricolo prevalentemente con disposizioni di carattere fiscale.
In primo luogo va sottolineata l’esenzione dell’IMU per i terreni agricoli e quella dell’IRAP per i soggetti che operano nel settore agricolo, per le cooperative e consorzi di piccola pesca e operanti nel settore selvicolturale.
Viene inoltre istituito presso l’INAIL un fondo per macchine e trattori agricoli o forestali dotati di abbattimento del potenziale inquinante, provvedendo al relativo finanziamento, e un fondo presso l’AGEA per la razionalizzazione e la riconversione della produzione bieticolo-saccarifera, mentre viene integrata la dotazione finanziaria del Fondo sociale per l’occupazione e formazione affinché una quota non superiore a 18 milioni di euro venga destinata alla cassa integrazione in deroga per il settore pesca.
È stato previsto un credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive nelle zone assistite ubicate nelle regioni del Mezzogiorno dal 1° gennaio 2016 fino al 31 dicembre 2019.
Tra le altre disposizioni è bene ricordare la proroga dei termini per consentire l’accesso al Fondo di solidarietà nazionale per imprese agricole e della pesca che hanno subito danni alluvionali e di infezioni di organismi nocivi ai vegetali; l’adozione di un Piano di ricerca straordinario per lo sviluppo di un sistema informatico integrato da parte del CREA (5 milioni per il 2016 e 8 milioni per il biennio 2017-2018); l’approvazione di alcune misure che estendono le agevolazioni per la piccola proprietà contadina.

Ambiente e territorio, energia e protezione civile

Ambiente È stata prevista l’istituzione presso il MEF di un Fondo finalizzato ad interventi di carattere economico, sociale e ambientale nei territori della Terra dei Fuochi, con una dotazione di 150 milioni di euro per ciascuno degli anni 2016 e 2017. Si è introdotta la garanzia statale ai finanziamenti che il commissario per l’ILVA è autorizzato a contrarre, nel limite di 800 milioni per far fronte alle attività di tutela ambientale e sanitaria.
La stabilità 2016 prevede inoltre il rifinanziamento degli interventi contro il dissesto idrogeologico per un importo complessivo di 1.950 milioni di euro nel periodo 2016-2030, di cui 50 per l’anno 2016. Sono previste anche misure riguardanti i parchi nazionali e i siti di importanza comunitaria.
Nel corso dell’esame in sede referente alla Camera sono state inserite numerose disposizioni in materia di bonifiche volte a escludere per l’anno 2016 le spese sostenute dagli enti locali per interventi di bonifica ambientale nonché, in particolare, gli interventi presso i siti di interesse nazionale Valle del Sacco e Bussi sul Tirino.

Riqualificazione urbana e sicurezza delle periferie Vengono disposte le procedure per la predisposizione di un “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia”, con l’istituzione di un apposito fondo avente dotazione di 500 milioni di euro per il 2016.

Protezione civile Viene introdotta una disciplina di carattere generale per la concessione di contributi con le modalità del finanziamento agevolato ai soggetti privati e alle attività economiche e produttive danneggiati da eventi calamitosi; viene inoltre differito il termine entro il quale le regioni possono deliberare la declaratoria di eccezionalità degli eventi atmosferici di eccezionale intensità che si sono verificati nel corso dell’anno 2014 e fino al maggio 2015, fissandolo al 29 febbraio 2016.
Specifiche disposizioni riguardano i territori colpiti dai terremoti verificatisi nel 2009 in Abruzzo e nel maggio 2012 in Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto, mentre viene disposta l’elargizione, a opera del Dipartimento della Protezione Civile, di speciali elargizioni in favore dei familiari delle vittime dell’alluvione di Sarno del ’98.
Da ultimo si prevede che nei territori per i quali è stato dichiarato lo stato emergenza e completata la procedura di ricognizione dei fabbisogni, ANAS è autorizzata, mediante apposita delibera del Consiglio dei ministri, sentita la Protezione civile, ad effettuare interventi di manutenzione straordinaria sulle strade provinciali.

Energia Nel settore energetico si segnala la trasformazione in ente pubblico economico della Cassa conguaglio per il settore elettrico, con una dotazione iniziale di 100 milioni di euro; è istituito, presso Terna spa, una Fondo a garanzia degli impegni assunti per il finanziamento di ciascun interconnector (linea di trasmissione di energia elettrica che attraversa le frontiere nazionali).
Si prevede inoltre un incentivo, fino al 31 dicembre 2020, pari all’80% di quello riconosciuto dal D.M. 6 luglio 2012 agli impianti di nuova costruzione e di pari potenza per impianti alimentati da biomasse e biogas, mentre viene prevista che l’esenzione dall’accisa dell’energia elettrica prodotta da impianti azionati da fonti rinnovabili con potenza superiore a 20 kW si applica anche per quella consumata dai soci delle società cooperative di produzione e distribuzione in locali e luoghi diversi dalle abitazioni.

Cultura, spettacolo e sport

In materia di cultura sono introdotte molte novità. Nel testo, in particolare, si proroga al 2018 il termine per il raggiungimento dell’equilibrio strutturale di bilancio per le fondazioni lirico sinfoniche che abbiano presentato il piano di risanamento.
Il testo dispone inoltre l’assegnazione di una Carta cultura per i giovani che compiono 18 anni nel 2016: la Card può essere utilizzata per ingressi a teatri, cinema, musei, mostri e altri eventi culturali. Per tale iniziativa è autorizzata la spesa di €290 mln per il 2016.
Si prevede che per il 2016 i contribuenti possono destinare il 2×1000 dell’Irpef a favore di una associazione culturale iscritta in un elenco appositamente istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Viene stabilizzato inoltre il credito d’imposta in favore delle persone fisiche e giuridiche che effettuano erogazioni liberali in denaro per interventi a favore della cultura e dello spettacolo e si estende tale strumento a favore degli investimenti nel settore cinematografico (c.d. tax credit cinema).
La Stabilità 2016 prevede inoltre un piano di 500 assunzioni a tempo indeterminato presso il MIBACT; l’autorizzazione per la spesa di €70 mln per il 2017 e €65 mln annui dal 2018 per la realizzazione degli interventi del Piano strategico “Grandi progetti beni culturali”; l’erogazione di più di 90 mln di euro per associazioni e attività culturali.
Si prevede anche il supporto per le attività del Comitato promotore per le Olimpiadi di Roma 2024, agevolazioni per le federazioni sportive affiliate al CONI e il sostegno per organizzazione e gestione del Gran Premio d’Italia di Formula 1.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*