Fondi strutturali, un’occasione da non perdere. Il mio intervento al convegno La Liguria nel sistema Europa 2014-2020.

Lo scorso 9 novembre ho avuto l’onore e il piacere di partecipare come relatrice al convegno La Liguria nel sistema Europa 2014-2020: una sfida da vincere, organizzato da Regione Liguria, Ordine degli Architetti di Genova, Confindustria Liguria e Iter per presentare il prossimo POR in materia di competitività e innovazione sostenuto dai fondi europei per lo sviluppo regionale (Fesr). Il convegno si svolto a Genova presso il Palazzo della Borsa.

Il mio intervento si è concentrato sul regime di condizionalità ex ante introdotto proprio in occasione degli Accordi di Partenariato 2014-2020, analizzando nel dettaglio i 4 Obiettivi Tematici principali del FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale).

Il Fesr, infatti, è uno strumento fondamentale che l’Unione Europea mette a disposizione degli Stati Membri e in particolar modo degli enti locali, andando a finanziare progetti concernenti ambiti centrali delle loro economie. In particolar modo, il Fesr finanzia, tra le altre cose, ricerca e innovazione (OT1), lo sviluppo delle tecnologie dell’informazione (OT2) e il sostegno alle PMI (OT3) e alla riconversione verso un’economia a basse emissioni di CO2 (OT4).

Uno strumento, quello dei Fondi Strutturali, non sempre utilizzato al meglio, soprattutto nel nostro Paese: solo per farsi un idea, nel precedente programma 2007-2013, l’Italia non ha speso più del 60% dei fondi a sua disposizione. Il prossimo ciclo di Fondi Strutturali, dunque, appare come un’importantissima occasione per dare impulso alle economie nazionali e locali.

Nel mio intervento ho analizzato, infine, la situazione della Regione Piemonte: la dotazione finanziaria per il Fesr 2014-2020 sarà di 965.844.740€ e, in quanto “regione sviluppata”, l’80% di questa cifra dovrà essere spesa nei quattro obiettivi tematici principali.

Argomenti questi che a mio parere dovrebbero essere al centro del dibattito pubblico soprattutto in questi tempi, in cui l’Europa viene messa in discussione non solo come istituzione ma anche come ideale verso cui tutti i popoli europei dovrebbero tendere.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*