Ecco le novità del DDL Delrio per i piccoli comuni

La Camera ha approvato definitivamente in seconda lettura il disegno di legge Delrio, più comunemente noto per le norme che riguardano il riordino delle Province.

Sono però contenute anche importanti novità per i piccoli comuni: tra cui la possibilità per i Sindaci dei Comuni fino a 3000 abitanti di potersi candidare per un terzo mandato, l’innalzamento a 10 dei consiglieri comunali e il ritorno della giunta che sarà composta dal sindaco e due assessori. I consigli e le giunte dei piccoli comuni riconquistano dimensioni più consone alla dignità degli enti stessi e alle esigenze di partecipazione democratica, senza nessun maggiore onere per la finanza pubblica. Inoltre la disciplina delle unioni di comuni viene semplificata con l’abolizione dell’unione di comuni per l’esercizio facoltativo di tutte le funzioni e servizi comunali, pur rimanendo fermo due tipologie di unione, quella per l’esercizio associato facoltativo di specifiche funzioni e quello per l’esercizio obbligatorio delle funzioni fondamentali. Per quest’ultima viene confermato il limite demografico ordinario pari ad almeno 10000 abitanti, ma viene abbassato per i soli comuni montani a 3000 ed è spostato il termine per l’adeguamento dei comuni all’obbligo di esercizio associato delle funzioni fondamentali dal 1° gennaio al 31 dicembre.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*