Settore idrico, quali investimenti della Cassa Depositi e Prestiti?

La necessità di investimenti in infrastrutture nel settore idrico rappresenta un prerequisito fondamentale per l’evoluzione del settore, come anche sottolineato dall’Autorità di settore, stima che siano state realizzate meno del 56% delle opere necessarie e che gli interventi più urgenti per superare carenze croniche e mettersi in regola con gli adempimenti europei, richiesti nelle procedure di infrazione della Corte di Giustizia, comportino un ammontare di circa 5 miliardi di euro all’anno, mentre oggi ne è stato spesa circa 1,5 miliardi spesi, che rappresentano, in ogni caso, uno sforzo importante per il sistema.

Cassa Depositi e Prestiti, azionista di riferimento del Fondo Strategico Italiano (FSI) che opera acquisendo quote di imprese di “rilevante interesse nazionale”, ha dichiarato di essere disponibile a partecipare al capitale di rischio in progetti di aggregazione e fusione tra utility per almeno mezzo miliardo di euro. Sul punto l’onorevole Cristina Bargero ha presentato un’interrogazione . “E’ importante sapere quale sia l’impegno di CDP nel sostegno finanziario del settore idrico – chiede l’onorevole Bargero – e se siano previste nuove erogazioni e ristrutturazioni di debito esistente.”

“Diventa – sottolinea Cristina Bargero – fondamentale un ruolo attivo di CDP per il rilancio delle reti dei servizi pubblici, che richiedono un ammodernamento per una maggiore efficienza nella gestione dei servizi stessi ed anche qualità a tutela degli utenti stessi. Inoltre gli investimenti nelle public utilities possono rappresentare un asset strategico per la ripesa dell’economia del nostro paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*