Bargero, Fiorio e Borioli interrogano sulla questione delle Poste: “La riorganizzazione non ne intacchi la centralità nelle piccole comunità.”

Sono state presentate alla Camera e al Senato due interrogazioni rivolte al Ministro delle comunicazioni e al Ministero dello sviluppo economico, circa

il rischio di chiusura di numerosi uffici postali e il depotenziamento di oltre cento sportelli attivi nei piccoli Comuni piemontesi.

L’iniziativa, assunta dagli onorevoli Cristina Bargero e Massimo Fiorio e dal senatore Daniele Borioli si prefigge, da un lato l’obiettivo di verificare

se l’intervento di riorganizzazione sia coerente con il “Decreto Scaiola” del 2008, che fissa i criteri attualmente vigenti per distribuzione degli uffici

postali sul territorio nazionale; dall’altro di sollecitare il Governo con eventuali misure correttive, laddove l’applicazione dei richiamati criteri possa ledere

il carattere “universale” del servizio postale.

“Le Poste – sottolineano i parlamentari alessandrini – sono per molte delle piccole realtà del territorio piemontese un presidio indispensabile, un

punto di riferimento per la popolazione, in molti casi anziana, delle nostre comunità periferiche, che nonostante i molti mutamenti di “natura” che le

Poste hanno conosciuto negli ultimi anni, continuano a vedere negli uffici postali non solo dei semplici e pur fondamentali erogatori di servizi, ma

un vero e proprio presidio che segna la presenza dello Stato. Per questo – concludono i parlamentari piemontesi – pur senza contrastare le esigenze

di razionalizzazione dell’azienda Poste spa, chiediamo al Governo di farsi parte attiva affinché nella sua attuazione essa non concorra a determinare

un’ulteriore marginalizzazione e abbandono dei nostri piccoli Comuni”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*